Il piercing danneggia i denti

studio-dentistico-milano-piercing-danneggia-dentiIl piercing sulla lingua è una pratica comune tra i giovani e i meno giovani, ma in pochi sanno che è in grado di generare problemi alla bocca e ai denti, in alcuni casi molto gravi

Questo il messaggio di una ricerca dell'Università di Buffalo, pubblicata sul Journal of Clinical Orthodontics

Gli scienziati che hanno preso in esame il casodi un giovani con pearcing alla lingua, hanno posto in evidenza l'abitudine comune di premere il bottoncino metallico dei piercing sugli incisivi centrali. Alla lunga questo causerebbe lesioni ai denti, infezioni e ascessi

Secondo recenti studi di alcuni ricercatori statunitensi, il piercing sulla lingua può provocare anche il disallineamento dei denti anteriori

Lo stesso rapporto pubblicato sul Journal of Clinic Orthodontics, pone in evidenza che il piercing richiede un potenziale lavoro cosmetico di riparazione dei denti, e può provocare infezioni ai denti e la loro scheggiatura

Nel caso del paziente osservato, in sette anni i denti anteriori hanno cominciato a divaricarsi a causa della spinta continua del bottoncino di metallo contro la dentatura

Il piercing, si sa, non può essere rimosso, perchè la notevole vascolarizzazione della lingua farebbe chiudere il foro in pochissimo tempo per cui si tende a non eliminarlo nemmeno nelle ore di sonno

I ricercatori israeliani dell'University of Tel Aviv, hanno scoperto che i tassi di incidenza di fratture dentali e patologie parodontali tra i giovani con piercing alla lingua, sono drasticamente più elevati del normale

Secondo la mia esperienza, il piercing può rappresentare un trauma per la bocca soprattutto quando si gioca con la lingua o con le dita, generando traumi e patologie gravi e potenzialmente letali come l'edema delle vie respiratorie

Si consiglia, pertanto, di evitare di giocherellare col piercing, far rimuovere dal proprio dentista le incrostazioni che col tempo si formano sul piercing, tenere sotto controllo la zona vicina al piercing e recarsi dal proprio dentista al primo segno di infiammazione